Main Menu

Scritto da don Filippo Celona

Atto di affidamento alla Vergine Maria

Ecco il testo dell’atto di #affidamento alla Vergine Maria scritto da don Filippo Celona che sarà recitato #domani a conclusione della supplica e della santa Messa dalla parrocchia San Giovanni Battista di Enna.

La celebrazione sarà trasmessa in diretta dalle ore 12 sulla pagina Fb e sul canale YouTube della parrocchia oltreché su Rete Chiara (can. 813 dgt).


Il Dio di ogni consolazione e grazia che riempie la terra con la sua gloria, nella “pienezza dei tempi”, ha mandato, mediante lo Spirito Santo, il suo unigenito Figlio facendolo entrare nel mondo verginalmente da donna (cfr. Gal 4,4), per la salvezza dell’umanità intera, santa Maria di Nazaret.
E proprio a te Madre Santissima ci vogliamo rivolgere e vogliamo chiedere protezione.
A te che hai permesso l’azione della Trinità, nel tuo grembo e nel tuo cuore, che hai risposto intraprendendo un cammino di fede e di umiltà;
a te che sei stata avvolta dallo Spirito Santo con tutta la sua potenza divina d’amore in tre momenti fondamentali per la tua vita e per la storia della salvezza: l’Immacolata Concezione, l’Annunciazione del Signore e la Pentecoste;
a te che hai ricevuto dal Paraclito, principio della vita interiore, la capacità di rispondere in maniera intima e accogliente al disegno del Padre;
a te che fai risplendere e ammirare i tratti dello Spirito Santo nei tuoi, che sei il riflesso della santità divina;
a te la cui dolcezza e umiltà esprimono la presenza dello Spirito;
a te che sei la mitezza e la saggezza;
a te che sei dimora del fuoco che arde e che non si spegne;
a te che sei la donna gloriosa, la Figlia di Sion, la Serva del Signore che c’è stata donata da Cristo sulla croce;
a te che sei l’Arca del Figlio dell’Altissimo, il tempio di Dio, la perfezione dello Spirito Santo, la bellezza che rivela la presenza della Trinità nella tua vita;
a te che sei la Sposa di Dio, il segno dello Spirito Santo, la Madre di Grazia, la nostra Avvocata, la Tutta Santa, che hai permesso all’Onnipotente di fare grandi cose nella tua vita: noi, tuoi amati figli, ci affidiamo a te.
Ti affidiamo la nostra parrocchia, le nostre vite, le nostre case, le nostre ansie, le nostre preoccupazioni.
Ti guardiamo e ti ammiriamo come porto sicuro, come faro nella notte che ci indica la via che conduce al tuo diletto Figlio.
Madre Santa, che hai contemplato tra le tue braccia l’amore di Dio fatto carne, il tuo salutare influsso verso noi, tuoi figli, nasce dal beneplacito volere di Dio e sgorga dai meriti del tuo Figlio.
La tua maternità permane nella Chiesa come mediazione materna, come cooperazione all’azione redentiva di Cristo. E anche dopo la tua gloriosa Assunzione continui la tua molteplice intercessione per farci ottenere le grazie della salute eterna.
Non abbandonarci nella prova ma vieni in nostro soccorso. Amen!



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: