Main Menu

Andrea Cassisi

Conferenza Episcopale Siciliana

Spopolamento in Sicilia, scuola, minori e Libia sono solo alcuni dei temi che hanno esaminato sul tavolo della Cesi, la Conferenza Episcopale Siciliana, i vescovi di Sicilia che si sono riuniti per la consueta sessione invernale di inizio anno. I lavori che hanno tenuto impegnati i Presuli delle 18 Diocesi di Sicilia sono stati presieduti da Mons. Salvatore Gristina, Arcivescovo di Catania. A prendere parte ad una finestra della sessione anche don Antonio Garau, fondatore del Movimento delle Valigie di cartone. Il sacerdote palermitano è stato ascoltato sul fenomeno dello spopolamento che colpisce l’Isola suscitando apprezzamento per l’iniziativa di sensibilizzazione rispetto al fenomeno. Gli stessi Vescovi hanno auspicato di fare fronte comune nello spronare gli enti e le amministrazioni, nel farsi voce di questa fascia sofferente della popolazione e nell’accompagnare chi può praticare un’economia diversa in Sicilia per rianimare questa terra e rispondere con i fatti all’emorragia di giovani che continuano ad andare via. Nel comunicato finale diffuso alla stampa i Vescovi siciliani hanno inoltre espresso “preoccupazione per la grave situazione che si registra in queste settimane in Libia e che ha già effetti anche sulla nostra gente di Sicilia, in particolare sui pescatori ai quali, per ragioni di sicurezza, è già interdetta la navigazione nella zona con notevoli ripercussioni economiche”. Nel corso della sessione la Conferenza dei Vescovi ha approvato il “Regolamento del Servizio che tutela minori e le persone vulnerabili”. Si tratta di un organismo che intende aiutare quanti nelle associazioni, nei gruppi, nelle parrocchie trattano con i fanciulli e con i ragazzi perché, “guardando con attenzione i loro comportamenti e le loro reazioni, riescano ad intercettare prima possibile eventuali azioni di persone senza scrupoli che ne vorrebbero approfittare”. Per seguire i lavori, la nomina di coordinatore regionale del Servizio per la Tutela dei minori, è stata affidata a mons. Domenico Mogavero. Una parentesi della riunione è stata anche dedicata al mondo della scuola con mons. Michele Pennisi, Vescovo delegato che ha presentato ai Vescovi la bozza del documento “La pastorale della Chiesa per la scuola” della CEI. I Vescovi danno mandato al Servizio per l’Insegnamento della Religione Cattolica di “armonizzare i criteri per la concessione dell’idoneità in vista del prossimo concorso e di sensibilizzare il mondo ecclesiale e civile sulla importanza di tale insegnamento come risorsa culturale ed educativa per la Chiesa e la società”. Dal tavolo della Cesi viene fuori anche l’impegno a sottoporre allo studio per una verifica – e ciascun Vescovo, per la parte che interessa la propria Diocesi – della bozza di revisione del calendario dei Santi delle Chiese di Sicilia presentato dall’Ufficio regionale per la Liturgia. La revisione, per la quale si chiederà alla Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti la necessaria approvazione, riguarda il Messale ed il lezionario delle Chiese di Sicilia che si è resa necessaria perché le copie sono andate esaurite, ma soprattutto perché il Santorale si è nel frattempo arricchito di nuovi santi e beati. Alla Cesi anche le iniziative di formazione del “Centro Madre del Buon Pastore”.  Tre i percorsi formativi approntati: il corso sul sacramento della Riconciliazione (17-21 febbraio); il corso sulla parrocchia (2-4 marzo); un modulo sul discernimento vocazionale per i delegati della formazione dei diaconi e dei presbiteri, i vicari episcopali per il clero, i membri della Commissione presbiterale siciliana e i Rettori dei Seminari. Per i diaconi permanenti, oltre ai consueti tre moduli formativi, la Festa regionale nella Missione Speranza e Carità di Biagio Conte a Palermo e un modulo formativo per i delegati vescovili. In tale ambito rientra anche la celebrazione della XXIX Giornata Sacerdotale Mariana che, su proposta dalla Commissione Presbiterale Siciliana, i Vescovi hanno deciso di tenere il 9 giugno presso il Santuario regionale Madonna delle Lacrime, in Siracusa. Da questa sessione anche l’ok all’introduzione della Causa di canonizzazione del gesuita p. Giovanni Adami, presentata dalla Diocesi di Mazara del Vallo e alla proclamazione di San Felice da Nicosia Patrono regionale dei donatori di sangue, così come il Coordinamento interassociativo dei volontari donatori di sangue aveva chiesto.



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: