Main Menu

Impegno della diocesi di Piazza Armerina per educare in rete

La rinascita della scuola cattolica a Gela

Una bella storia quella della scuola don Minozzi di Gela; una storia che racconta come l’impegno di laici e associazioni in rete può determinare cambiamenti significativi. Una crisi si è trasformata in un percorso che ha cambiato le sorti di una scuola cattolica destinata alla chiusura e che invece in due anni ha triplicato le iscrizioni ed oggi è la prima scuola “Laudato Si’” d’Italia.
La struttura è stata voluta a Gela negli anni 60 dal sacerdote padre Giovanni Minozzi, una struttura di evangelizzazione e di accoglienza educativa. Nel corso degli anni la struttura che è diretta dall’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia è stata animata dalla suore che per raggiunti limiti di età hanno dovuto lasciare la struttura. Invece grazie ad un protocollo d’intesa voluto da mons. Gisana e l’ONPMI si è dato vita ad un progetto di gestione che ha cambiato le sorti della struttura che aveva 40 bambini ed invece oggi ha una sezione primavera per bambini di 2 e 3 anni, tre sezioni di infanzia da 3 anni fino a 6 e la scuola primaria dalla prima alla quinta.
Il Vescovo ha affidato il compito di ripensare il progetto gestionale della struttura ad un gruppo di laici coordinati da Enzo Madonia, capo scout Agesci ed ex responsabile della pastorale giovanile che nella vita si occupa di gestione e organizzazione delle risorse umane per una multinazionale.
“L’idea di fondo è che la comunità, insieme, può farsi carico di cambiare le sorti di un territorio, nella misura in cui è capace di aprirsi e trasformare le fragilità in un punto di forza – afferma Madonia”.
Cosi nella scuola don Minozzi si è insediata a supporto la Comunità “Laudato Sì” che attraverso un piano progettuale ha rilanciato la struttura che è destinata a diventare un Parco Educativo Evoluto che segua i principi dell’Ecologia Integrale. Grazie quindi all’impegno di rete e nonostante il Covid la scuola don Minozzi di Gela è stata la prima ad avviare le attività scolastica e la prima ad attivare anche il servizio di mensa. Proprio la mensa è oggetto di un progetto ambizioso che sarà presentato il 20 di ottobre alla cittadinanza; nella scuola che ha anche il tempo pieno sarà avviata la prima mensa “Laudato Sì”. Un progetto che mira ad avere una delle prime mense biologiche della Sicilia e che sarà un laboratorio permanente di educazione alimentare e di lotta allo spreco. Inoltra la scuola insieme alla comunità “Laudato Sì” ha realizzato degli orti a coltivazione biologica che saranno curati dai bambini, e successivamente anche cucinati e mangiati.
Da pochi giorni si è anche costituita grazie al lavoro intenso della Caritas, la prima Cooperativa di Comunità della Sicilia che avrà lo scopo di promuovere percorsi di imprenditoria sociale nei servizi per l’infanzia, nell’energia rinnovabile e nella rigenerazione dei beni comuni urbani; la cooperativa prende il nome di “Parco Educativo Padre Giovanni Minozzi Laudato SI”.



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: