Main Menu

Non strapparmi il Crocifisso

Fratello,
tu che vieni nella mia terra
non strapparmi il crocifisso.
Ti dico che la croce del mio Dio
è la prova di un amore
e il sangue che tu vedi
è un seme di speranza.

Fratello,
tu che entri nella mia vita
non strapparmi il crocifisso.
Ti dico che quel segno che tu temi
rende grande il mio coraggio,
apre pronte le mie braccia
a chi è solo e disperato.

Fratello,
tu che bussi alla mia anima
non strapparmi il crocifisso.
Non rubarmi dalle mani
la ragione dei miei giorni.
Non volere la mia morte
la tua morte.

Fratello,
non strapparmi il crocifisso!
Ti prego… ascolta la mia voce.
Lascia vivo nei miei occhi
il trionfo del perdono.
Quella croce che tu odi
è la luce di chi prega
è la via della pace
senza sangue
senza tempo.

Il poeta Vitantonio Boccia è nato a Terzigno (Na), un paese alle falde del Vesuvio, dove vive. Sposato con due figli, docente in pensione in materie letterarie, ha insegnato in una scuola media e nell’Istituto Commerciale del suo paese. Scrive poesie per passione e partecipa a diversi concorsi letterari con poesie e lavori teatrali. Sue poesie sono inserite in diverse antologie poetiche, in quotidiani e riviste letterarie. Di recente ha pubblicato una sua prima raccolta di poesie a tema religioso dal titolo “Non resterò muto” come riconoscimento al Concorso “Parole e Poesia” di Formigine (MO). Inoltre, con la poesia “Non strapparmi il Crocifisso” si è classificato al primo posto al “Trofeo Penna d’Autore” di Torino.



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: